Sensitive, come avviene la canalizzazione con l’oracolo.

La brava cartomante sensitiva è una persona che ha una natura che la spinge verso il mondo della sensitività. Si comporta da “canalizzatore”.
Se davvero brava sarà capace di sentire le vostre sensazioni, i vostri dubbi e le perplessità. Essa potrà darvi un aiuto veloce e professionale per le situazioni che creano tensioni nel presente e consigliandovi sulle scelte da operare per il futuro. Per quanto mi riguarda, mi sono accorta nel corso della mia vita di vivere e sentire situazioni prima che essi si realizzassero. Questo anche attraverso sogni premonitori. Essi si sono indirizzati anche verso personaggi lontani dal mio mondo.
Cito un sogno premonitore per me importante: come il sogno del parto, in cui nasceva il primogenito, figlio del principe d’Inghilterra ; due mesi prima dell’evento. (Segnalato il 27 maggio 2013; quindi prima della nascita, sul giornale online : POUR FEMME). Attraverso questo sogno ho scoperto a livello conscio una parte di me, che non sapevo mi appartenesse così tanto e quindi ho iniziato a studiare i libri di sapienza antica; e la mia conoscenza in questo settore è stata una cosa preziosa perchè mi ha permesso di comprendere elementi determinanti alla vita stessa ed in questo caso alla mia e a quella di chi mi frequenta eventualmente.
Mi capita di sognare anche figure d’ importanza cristiana. A volte ho premonizioni anche sui miei familiari. Oltre ai sogni, avverto le negatività in alcune situazioni. Di questi eventi  non amo sempre parlarne, li tengo per me perchè non amo coinvolgere gli altri se effettuo eventuali sogni premonitori. Questo tipo di consulto che nel mio caso non prevede nessun uso della magia; può darci una soluzione rapida verso situazioni che non riusciamo a vedere con lucidità perchè ne siamo coinvolti e quindi se per es. veniamo in contatto con nuove persone ed esse hanno comportamenti anomali…ecco che in pochi minuti la carta ci rivela la sua vera personalità a grandi linee. Strasperimentato più volte da parte mia.

RICOMPENSARE L’ORACOLO
Premetto che imparare la lettura delle carte ed in particolar modo dei tarocchi, è un percorso lungo e non semplice. Ci vogliono alcuni presupposti come l’esperienza di vita, (difatti vengono consigliati a chi ha non è giovanissimo), doti di memoria e di ragionamenti logici per comprendere il loro significato fatto da mille sfaccettature che cambiano a  seconda del contesto da esaminare. Tutto questo viene poi filtrato dalla cartomante attraverso un modo speciale in cui le amiche carte comunicano il responso finale; che è frutto di percezioni e intuizione legata al momento del consulto.
L’oracolo va ricompensato perchè il divinatore, mette a disposizione oltre che la propria competenza, anche molte energie psichiche. Sin dai tempi antichi essi venivano ricompensati; anche perchè questo può portare fortuna.
Il cartomante preparato sa anche che deve proteggersi da eventuali negatività che possono arrivare e che i moralisti integralisti spiegano in maniera errata (ovvio chi commenta solo negativamente su tutto lo fa sempre per gli stessi motivi, ossia gli interessi). Essi fanno un gran calderone tra vari tipi di esoterismi. Io personalmente mi proteggo, con vari sistemi, e soprattutto non invoco nessun essere. Esercitandosi a lungo, la nostra mente acquista una percezione extrasensoriale che permette di vedere oltre il significato della carta in esame perchè essa è soltanto un mezzo per valicare i confini di spazio e tempo.
Una buona cartomante in genere ha un costo molto accessibile. Se competente è la figura più idonea (in certe situazioni); in quanto questa consulenza può dare una soluzione immediata e chiara. Un consiglio appropriato è la base della buona cartomanzia. La salute mentale e fisica è un capitolo che non va affrontato, per ovvi motivi. Per quello ci sono i medici.
Vorrei esprimere un parere su questa forma d’ arte, perchè di essa attualmente in Italia non vi è una approvazione sempre meritevole. Innanzitutto distinguiamo cartomanti che eseguono solo divinazione o percorsi tarologici, da altre figure diverse come: Maghi, stregoni, ecc.  Essi sono professioni molto diverse. Il mestiere di buon cartomante  viene eseguito  da persone e  come tale ognuna di essa lo svolgerà secondo le proprie convinzioni morali;
didattiche, in quanto legate alla scelta dei testi stessi  della cartomanzia;
religiose, etiche e secondo le capacità empatiche.  Si pensa che i tarocchi servano essenzialmente per la divinazione, ma le cose non stanno proprio così; poichè chi svolge seriamente questo lavoro può aiutare  realmente una persona e non solo per le carte in se stesse. L’astrologia è considerata a livello sociale e mediatico. I libri di cartomanzia vengono scritti in prevalenza da astrologi (a parte altri professionisti appassionati di esoterismo), quindi vi è un incoerenza tra le due pseudoscienze, perchè  per i cartomanti seri o tarologi, non vi è la stessa approvazione mediatica. Rimaniamo un po’ nell’ombra, qui in Italia perlomeno, consultati solo da chi è in linea con noi o da chi è stanco di professioni ufficializzate che a volte  lasciano alcune perplessità; ed ecco perchè veniamo consultati anche da persone molto colte e saggie. Nel mistero di questa tecnica c’è molta più razionalità di quel che si crede; le stesse carte sono rappresentazioni realistiche di momenti, sentimenti, atteggiamenti ecc, vissuti dalla persona. E’ consigliabile affidarsi a persone serie, professionali e corrette.
Non è affatto vero che una brava cartomante condiziona; in quanto essa consiglia, ma poi vi è sempre il libero arbitrio della persona per le scelte future.

ETICA DELLA CARTOMANTE:  la cartomante dovrebbe ricordarsi di seguire un codice etico.
Innanzitutto, non dovrebbe esprimere giudizi personali. Quindi è l’operatore ideale per confidare il proprio vissuto; perchè non è compito suo giudicare delle situazioni personali; ( salve richieste specifiche).
Non leggere le carte per questioni di salute;
sottolineare le risorse e le qualità del consultante;
Segreto professionale. Non è mai positivo raccontare le cose altrui. Quindi occorre avere riserbo sulle domande.
Che cosa aspettarsi da un consulto effettuato con una cartomante sensitiva? Innanzitutto, nel significato delle carte, c’è la vita; la nostra vita. Ogni specialista del settore ha un suo stile di lavoro e un suo metodo. Come avviene per qualsiasi mestiere. Oltre a leggere il responso delle carte; analizzerà la situazione nel dettaglio e vi aiuterà a capire ciò che  oscura la serenità; facendovi vedere con un certo distacco emotivo, le vicende che vi accadono. Consiglio di non provocare o essere alteri, in quanto la cartomante  per svolgere bene questo lavoro, ha bisogno di positività e fiducia; lei  ha bisogno di molta concentrazione per sentire le percezioni;nulla è automatico e nulla si crea in un clima di scarsa fiducia o negatività.
Dove si trova una buona cartomante? Si può trovare tranquillamente su internet perchè ci sono vari annunci.  Ognuno sarà libero di scegliere quello ideale al suo caso; ma vi consiglio di leggere il profilo, la storia del cartomante e i servizi offerti con tempi del consulto e i costi.
Quali carte vengono utilizzate  durante il consulto? Quali origini hanno? Ci sono vari mazzi da carte. La vera Sibilla, I vari tipi di Tarocchi, ecc. Premetto: che oltre al dono personale, che è l’elemento principale che dovrebbe portare allo studio della seria cartomanzia; Inoltre è necessario anche in questo campo: l’aggiornamento continuo. Mi soffermerò a parlarvi delle Sibille. La Sibilla di origine francese, eccentrica e versatile è stata considerata da molti la vera profetessa. La giovane lavora dapprima come sarta e commessa. Si avvicina allo studio della matematica, dopo essere stata consigliata da un cliente, e inizia a studiare la numerologia, chiromanzia e scienze occulte. Ci troviamo all’epoca della rivoluzione francese, epoca eccezionale , quali rovesci di fortuna ed esecuzioni sanguinarie. Mattina e sera una folla avida e convulsa si ammassa alla sua porta. La nobiltà soprattutto, la cerca per qualche speranza di serenità. Vincitori e vinti e qualsiasi classe sociale va a consultare la cartomante famosa. racconta nei suoi libri autobiografici, di aver tentato disperatamente di salvare la regina Maria Antonietta dall’esecuzione capitale e di aver predetto a Napoleone il grande successo politico. Così questa donna diventò un vero mito. Subito dopo la sua scomparsa, nacquero mazzi di carte ispirati ai suoi sistemi. Anche in Italia nasce la vera sibilla italiana che ha molti punti in comune con le cugini francesi. Il mazzo compare per la prima volta nel 1880; e ha subito nuove ristampe, sino al 2008. Comprendere il presente ed essere curiosi sul futuro ci può aiutare a vedere con lucidità e razionalità i vari settori della nostra vita, facendoci scoprire attraverso anche l’utilizzo delle carte eventuali difficoltà, situazioni nascoste o che presentano zone d’ombra; mettendo anche in risalto (amici- nemici) ignari alla nostra conoscenza; così da poter prevenire eventuali risvolti inaspettati.